Tutti gli articoli di Giovanni

ONLINE I PRIMI 4 MODULI DELLA FAD DEDICATA AL REDDITO DI CITTADINANZA

17/07/2019

ONLINE I PRIMI 4 MODULI DELLA FAD DEDICATA AL REDDITO DI CITTADINANZA

È disponibile, sul portale Cliclavoro,
https://bit.ly/21gJCcF
la “Formazione di base sul Patto per l’inclusione sociale”, un percorso formativo a distanza (FAD), completamente gratuito, realizzato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con il supporto di Banca Mondiale ed il contributo del CNOAS.

Per gli assistenti sociali iscritti all’albo professionale la FAD è valida ai fini dell’ottenimento di crediti formativi obbligatori per la formazione continua. I crediti assegnati sono 7, di cui 2 deontologici. Al momento sono stati pubblicati i primi 4 moduli della FAD; gli ulteriori 3, che completeranno la FAD, usciranno entro settembre.

Per poter ottenere i crediti è necessario, al termine del completamento dei 7 moduli, inserire il codice 32784 nella propria area riservata.

L’ID per il riconoscimento dei crediti potrà essere inserito dall’iscritto SOLO al termine della corretta e completa visione di TUTTI i moduli (per questo al momento l’ID è bloccato, dato che non tutti i moduli sono ad ora presenti nel sito); ogni iscritto può quindi già iniziare a frequentare i moduli presenti ed al termine dei 3 moduli conclusivi si potrà procedere ad inserire l’ID.

All’indirizzo
https://bit.ly/2GgbaN8
potete infine trovare in allegato la guida per iscriversi al portale cliclavoro ed usufruire della FAD.

Share

Il Ritorno Volontario Assistito: una nuova opportunità

10/07/2019

ATTENZIONE

IL SEMINARIO E’ STATO RINVIATO A DATA DA STABILIRSI SU INDICAZIONE DELLA REGIONE LIGURIA

SARA’ NOSTRA CURA DARE AMPIA COMUNICAZIONE DELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE

“Il Ritorno Volontario Assistito: una nuova opportunità”

12 luglio 2019
8:30 – 13:30

Regione Liguria, Via Fieschi 15 – 11° piano – Sala di Rappresentanza “Liguri nel mondo”

Il CROAS Liguria in collaborazione con la Regione Liguria e l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni – OIM organizza l’evento formativo di presentazione del Progetto RE.V.ITA.

L’incontro sarà l’occasione per fare il punto sulle migrazioni nel Mediterraneo e sulle esperienze di ritorno volontario assistito gestite dagli Enti Locali liguri alla luce delle novità introdotte dal D.L. 113/2018 nel settore dell’accoglienza.

Il Progetto RE.V.ITA. è

PROGRAMMA

Iscrizioni attraverso mail a info@oasliguria.net specificando proprie generalità e attività svolta

Sono stati riconosciuti 4 CF per Assistenti Sociali

N.B. per gli Assistenti Sociali: A partire dal mese di settembre 2019 le iscrizioni a corsi od eventi formativi organizzati dal CROAS Liguria avverrà esclusivamente attraverso PEC ad un indirizzo dell’Ordine dedicato alle iscrizioni.

Share

A.S.Pro.C. – Campagna di iscrizione 2019

08/07/2019

Riceviamo e volentieri condividiamo la lettera di presentazione dell’Associazione “Assistenti Sociali per la Protezione Civile – A.S.Proc.” per la campagna annuale di iscrizioni

A.S.Pro.C. si presenta

L’Associazione Assistenti Sociali per la Protezione Civile- A.S.Pro.C.- nasce a Roma il 12 giugno 2015; si ispira a principi di volontarietà, democraticità e persegue finalità di solidarietà sociale e di aiuto volontario in situazioni di calamità naturali e di emergenze, sia in Italia che all’estero, organizzando un sistema di pronto intervento di servizio sociale professionale nella previsione, prevenzione e soccorso.

A.S.Pro.C. è iscritta nell’Elenco Centrale delle Organizzazioni di Volontariato del Dipartimento di Protezione Civile -DPC-: ciò significa, in pratica, che il nostro intervento/attivazione è richiesto direttamente dal DPC in caso di necessità di rilievo nazionale.

A.S.Pro.C. si articola in Organismi Operativi Periferici –OOP- di norma a carattere regionale e sono dotati di autonoma organizzazione funzionale: ad oggi gli OOP costituiti sul territorio nazionale sono 11 con un totale di iscritti di circa 200 assistenti sociali.

In occasione dell’Emergenza Sisma Italia Centrale 2016, l’Associazione Assistenti Sociali per la Protezione Civile è stata attivata dal Dipartimento di Protezione Civile in data 6 settembre 2016.

Sono state attivate 5 missioni, di cui alcune gestite in contemporanea:

– NORCIA COC/COM dal 6 settembre 2016 all’8 Gennaio 2017 e dal 6 al 18 febbraio 2017 (138 giorni di presenza)

– PASS UMBRIA dal 13 Novembre 2016 al 1 Gennaio 2017 (50 giorni di presenza)

– PASS MARCHE PORTO SANT’ELPIDIO dal 30 Ottobre 2016 al 2 Gennaio 2017 (65 giorni di presenza)

– SAN SEVERINO MARCHE COC dal 19 Dicembre 2016 al 18 Febbraio 2017 (62 giorni di presenza)

– PASS AMATRICE 1 e 2 dal 26 Settembre al 18 Novembre 2016 (54 giorni di presenza)

Per un totale di:

– 106 volontari attivati (di cui 17 volontari per due missioni e 2 volontari per tre missioni)

– 2 coordinatori sul campo con 20 giorni di presenze sui diversi territori per monitoraggio attività

– 2022 giornate complessive di presenza sul campo.

L’esperienza è stata, per ogni singolo associato, sia che sia intervenuto in loco sia che sia stato nel “back stage” organizzativo, un fondamentale banco di prova sotto il profilo umano e professionale.

Il riscontro sul nostro operato a livello nazionale è stato più che positivo, meritando il plauso del DPC e delle altre organizzazioni con le quali ci si è trovati ad operare.

L’esperienza sul campo ci ha insegnato che la buona volontà, l’elasticità di pensiero ed azione, la professionalità ed esperienza non bastano ed è quindi necessaria una formazione continua in materia di Protezione Civile e interventi multidisciplinari in casi d’emergenza.

Alcuni momenti importanti: nel novembre 2017 si è tenuta a Norcia una due giorni formativa  seguita nel maggio 2018 da un corso base per volontari di protezione civile organizzato per noi dal DPC nella sede centrale di Roma; il 22 dicembre u.s. abbiamo avuto la possibilità di partecipare ad una udienza con il Santo Padre in Aula Nervi in Roma in occasione della Giornata del Volontariato e successivamente la nostra presidente, Monica Forno, è stata invitata alla trasmissione di RAI 1 “A sua immagine”; il 2 giugno u.s. una nostra associata è stata chiamata a rappresentare l’A.S.Pro.C. alla parata per la ricorrenza della “Festa della Repubblica” a Roma; tanti sono stati, sul territorio nazionale, gli eventi formativi che ci hanno visto partecipi che da un lato contribuiscono ad arricchire il nostro bagaglio culturale specifico in materia e dall’altra ci rendono sempre più visibili ed apprezzati…..e altri eventi sono in cantiere sia a livello nazionale sia nella nostra regione!

A.S.Pro.C., che fa parte della Consulta nazionale del Volontariato di Protezione Civile, vuole contribuire alla crescita di una coscienza di solidarietà sociale in situazioni di emergenza favorendo e stimolando forme di auto-organizzazione e formazione dei cittadini.

L’impegno dell’Associazione è continuare a lavorare per promuovere la cultura di Protezione Civile “in tempo di pace” per formare professionisti di PC perché qualsiasi territorio è a rischio e qualsiasi persona può, da un momento all’altro, essere coinvolto e chiamato ad intervenire.

Per chi vuole approfondire, il nostro sito è www.asproc.it.

La sede dell’Organismo Operativo ligure è presso il Consiglio regionale dell’Ordine degli Assistenti sociali in via XXV Aprile 16/7 a Genova.

Per iscriversi all’associazione è necessario essere iscritti all’Albo professionale.

Contatti: Per qualsiasi informazione non esitate a contattarci: oop.liguria@asproc.it; info@asproc.it

Ti aspettiamo!

Simonetta Cuneo
Presidente O.O.P. Liguria

A.S.Pro.C. si presenta

Share

E-PROTECT – Evento di presentazione della metodologia per la valutazione individuale

11/06/2019

  

 

 

 

 

Aperte le iscrizioni
EVENTO DI PRESENTAZIONE
della Metodologia europea per effettuare la valutazione individuale dei minorenni vittime di reato
21 Giugno 2019, ore 15:30 – 19:00
Chiatta di Dialogo nel Buio, Calata dei Mari, Genova

L’incontro mira a condividere una proposta metodologica con operatori e attori chiave che lavorano per e con minorenni vittime di reato, affinché la valutazione individuale venga effettuata secondo criteri e standard comuni, rispettosi dei diritti dell’infanzia e conformi al diritto europeo. La metodologia è stata elaborata a seguito di una serie di seminari consultivi che hanno coinvolto decine di operatori in diversi paesi europei nell’ambito del progetto E-PROTECT e condivisa con il Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità.

PROGRAMMA

L’incontro prevede momenti di interazione e di consultazione con i partecipanti.

Modalità di iscrizione

Le iscrizioni dovranno essere inoltrate all’indirizzo di posta elettronica: julia@defenceforchildren.it. Il seminario è a numero chiuso. Le iscrizioni saranno accolte secondo l’ordine di arrivo, fino a esaurimento dei 30 posti disponibili, per consentire un’adeguata interazione del gruppo.

Seguirà un aperitivo di autofinanziamento dell’iniziativa.

L’evento è accreditato presso il CNOAS per i crediti formativi degli assistenti sociali

 

 

Share

Presentazione del libro “Orientamento sessuale e identità di genere Nuove sfide per il servizio sociale”

30/05/2019

In occasione del Gay Pride di Genova l’11 giugno 2019 l’Ordine degli Assistenti Sociali della Liguria presenta il libro del collega Benedetto Madonia dal titolo “Orientamento sessuale e identità di genere Nuove sfide per il servizio sociale” il libro sarà presentato dalla Prof. Emanuela Abbatecola e dall’autore presso i Giardini Luzzati – Spazio Comune. L’evento è aperto anche alla cittadinanza e sono riconosciuti 2 crediti deontologici.

Per iscrizioni: Eventbrite

Share

La responsabilità professionale: aspetti civili, penali, etici e deontologici

13/05/2019

La responsabilità professionale: aspetti civili, penali, etici e deontologici

ATTENZIONE:

per problemi indipendenti dall’organizzazione l’attività del pomeriggio verrà spostata a stata da destinarsi!

All’evento sono riconosciuti 4 CREDITI DEONTOLOGICI 

Nell’anno in cui la comunità professionale degli assistenti sociali si interroga  per aggiornare il proprio Codice Deontologico,  la giornata di studio punta l’attenzione sulla responsabilità professionale come “consapevolezza della natura degli atti e delle scelte compiute e delle conseguenze, morali e giuridiche, nei confronti di sé stessi e degli altri, derivanti da tali atti e scelte” (D. Canevini, 2005) mettendo a confronto professionisti con funzioni a volte non del tutto concordanti.

L’incontro si terrà in due sedi. La mattina presso il Centro Formazione e Cultura dell’ordine degli Avvocati di Genova, Via XII Ottobre , 3   (8 -13)  e il pomeriggio presso il CRAL dell’Autorità Portuale in Via Ariberto Albertazzi, 3 (14 – 17)

Sono previsti 150 posti per assistenti sociali così suddivisi 70 posti per i dipendenti del Comune di Genova che per iscriversi dovranno fare richiesta alla Direzione Politiche Sociali e 80 posti per altri assistenti sociali che si possono iscrivere direttamente QUI

PROGRAMMA

INVIA QUESITI

L’Ordine degli Assistenti Sociali della Liguria ringrazia l’Avv. Massimiliano Gioncada per aver fortemente voluto questa giornata di studio come tributo nei confronti di Genova e della Liguria fortemente colpite dal crollo del ponte Morandi.

 

Share

GIORNATA MONDIALE CONTRO L’OMOFOBIA: sempre dalla parte dei diritti umani

17/05/2019

Dal sito del Consiglio nazionale dell’Ordine degli Assistenti Sociali 

Il solo fatto che la Giornata Internazionale contro l’omofobia e la transfobia si celebri in ogni Paese libero del mondo dice molto di ciò che c’è in gioco in termini di rispetto dei diritti umani.
Solo dove c’è libertà esiste la consapevolezza che la diversità è una ricchezza da tutelare e celebrare.
In assenza di libertà le persone, sono inevitabilmente vittime perché non si può che assistere alla messa in discussione dei loro diritti.
C’è un altro aspetto di cui andare orgogliosi come cittadini europei il 17 maggio: è all’Europa infatti che si deve l’istituzione di questa Giornata celebrativa. La volle il Parlamento Europeo nel 2007 per ricordarci che le discriminazioni e ogni forma di violenza psicologica o fisica basata sull’orientamento sessuale, feriscono non solo i singoli individui ma la società nel suo insieme e la libertà di tutti. Rappresentano un pericolo per la coesione sociale e per la crescita civile perché è dalle intolleranze e dalle discriminazioni apparentemente circoscritte, o limitate a “categorie”, che passa e si consolida  la cultura della discriminazione, una tra le peggiori forme di violazione dei diritti umani, per loro stessa natura universali. Un vaso di Pandora che, una volta aperto, svela la sua immensa pericolosità per i diritti di ogni persona.
È davvero rincuorante trovare nella nostra Costituzione la migliore risposta a fenomeni omofobici o transfobici, purtroppo diffusi nel nostro Paese, laddove è sancito il principio di uguaglianza e dove si esortano le istituzioni a “rimuovere gli ostacoli che impediscono il pieno sviluppo della personalità umana”. Questo è anche il compito degli assistenti sociali, operare e lavorare in ogni periferia fisica, psicologica, sociale e morale del Paese perché non la discriminazione ma il principio dell’uguaglianza delle persone abbia il sopravvento e perché a ogni persona venga offerta la possibilità di un pieno sviluppo di sè.
In particolare è nostro compito parlare oggi con i più giovani perché sappiano riconoscere la bellezza di una società aperta, solidale, ricca di diversità e di valori.
Molta strada è stata fatta ma troppe volte, anche di recente, siamo stati costretti ad assistere a episodi di aggressione omofobica. Stima l’Arcigay che siano oltre 100 gli episodi che ogni anno si è costretti a contare in Italia. Ma il dato è sottostimato se si considera che vengono censiti solo episodi oggetto di denuncia o di attenzione mediatica. Molti i giovanissimi che, oltre ai problemi di accettazione da parte della famiglia, sono vittime di atti di bullismo omofobico e transfobico nelle scuole.
Per questo è urgente che noi, in ragione del nostro mandato professionale, del nostro codice deontologico, continuiamo ad essere in prima fila per costruire una società aperta e libera. In attesa di una legge sempre più urgente che consegni strumenti per operare con maggiore efficacia, continuiamo a svolgere un ruolo positivo nella società.
Staremo sempre dalla parte di chi ha bisogno di sostegno per realizzare al meglio se stesso ed essere veramente libero.
Staremo sempre dalla parte dei diritti umani.

 

Share

Fate il nostro GIOCO!

15/04/2019

Il Gioco d’Azzardo Patologico (GAP) è entrato nella classificazione ufficiale del manuale diagnostico e statistico dei disturbi psichiatrici (DSM-5) dell’American Psychiatric Association (APA, 2014), riconosciuto come punto di riferimento globale per la materia. I servizi per le tossicodipendenze e i servizi psichiatrici stanno affrontando la crescente richiesta di interventi di cura nei confronti di questa patologia. Ma lo strumento più efficace è senz’altro la prevenzione e una corretta informazione della popolazione. Per questo motivo l’Ordine degli Assistenti Sociali patrocina l’iniziativa del Consiglio regionale di UNIPOL della Liguria in collaborazione con Isforcoop, con il supporto di Legacoop Liguria e Libera.

Alla tavola rotonda parteciperà anche una nostra rappresentante per rispondere alle domande dei presenti.

L’evento è stato accreditato con 4 crediti formativi

Per iscrizioni Assistenti Sociali QUI

Share