Archivi categoria: Eventi Formativi

Webinar “I bambini ci guardano!” SI REPLICA

27/11/2020

REPLICA 15 DICEMBRE 2020 ORE 16 – 18

Il webinar “I bambini ci guardano!” ha ricevuto molte richieste di iscrizione e molte persone ci hanno contattato perché non sono riuscite ad iscriversi. Abbiamo quindi deciso di replicare il 15 DICEMBRE 2020 dalle 16 alle 18.

La formula è la stessa ci si iscrive al link riportato di seguito e in questa maniera si potrà assistere alla proiezione di quanto accadrà nel seminario di martedì 1 dicembre. Rimanendo collegati per l’80% del webinar sarà possibile ottenere anche i crediti deontologici accordati alla prima edizione del seminario!

Se non sei riuscito ad iscriverti CLICCA QUI!

Per chi non riuscirà a partecipare nemmeno alla data del 15 dicembre i contenuti del webinar saranno disponibili sul nostro canale YouTube appena possibile.

Webinar “Ibambini ci guardano!”

25/11/2020

WEBINAR: I BAMBINI CI GUARDANO!
1 DICEMBRE 2020 ORE 16 -18

                                                        

In occasione della celebrazione della Giornata Mondiale per i diritti dell’infanzia e Adolescenza, 20 novembre, l’Ordine degli Assistenti Sociali della Liguria organizza il 1 dicembre 2020 dalle ore 16 alle ore 18,  un seminario sul quarto principio della Convenzione ONU per l’Infanzia e Adolescenza: L’ascolto delle opinioni del minore (art. 12).
Nella pandemia da Covid-19 i bambini sono stati e sono ancora protagonisti inascoltati. L’attenzione del servizio sociale e della rete ampia di servizi per i minori e le loro famiglie deve rimanere alta: ci si deve interrogare su quali danni possono derivare dalla condizione di “minore non ascoltato” in tempo di Covid-19.

Al seminario interverranno:

Cristina Tilli, assistente sociale, dottore di ricerca in servizio sociale, docente a contratto presso l’Università degli Studi Roma TRE, ricercatrice della Fondazione Nazionale Assistenti Sociali;
Vanessa Niri, pedagogista, coordinatrice del Gruppo nazionale “Infanzia, adolescenza e politiche educative” di Arci;
Chiara Lanini, pedagogista, coordinatrice del Centro Servizi per minori e famiglie Bassa Val Bisagno, Genova;
Samanta Ferri, educatrice e pedagogista, referente del Care Leavers Network della Liguria per l’associazione Agevolando;
Pamela Di Carlo, frequenta l’ultimo anno dell’istituto alberghiero a Genova ed è la Care Leaver Senior del CLN Liguria;
Maria Concetta Storaci, assistente sociale, Consigliere nazionale dell’Ordine degli Assistenti Sociali, progettista e referente per il progetto PUERI;
Rita Bosi, assistente sociale, Presidente del Consiglio regionale dell’Ordine degli Assistenti Sociali dell’Emilia Romagna;
Maria Chiara Briani, assistente sociale, Segretario del Consiglio regionale dell’Ordine degli Assistenti Sociali dell’Emilia Romagna.

Coordinerà l’incontro Giovanni Cabona, Presidente dell’Ordine degli Assistenti Sociali della Liguria.

Simona Garbarino, pedagogista e attrice, interverrà con la lettura di alcuni brani.

Il webinar si terrà sulla piattaforma zoom con un massimo di 100 posti – RISERVATI AGLI ISCRITTI DELLA LIGURIA.

Al webinar sono riconosciuti 2 crediti deontologici

 

20 novembre Giornata Mondiale Infanzia e Adolescenza: I bambini ci guardano… Ascoltiamoli!

20/11/2020

I bambini ci guardano… Ascoltiamoli!

20 novembre: il Consiglio dell’Ordine degli Assistenti Sociali della Liguria celebra la Giornata Mondiale per i diritti dell’Infanzia e Adolescenza, rilanciando il quarto principio del Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza*: l’ascolto delle opinioni del minore.
In questo periodo la voce dei bambini è infatti spesso inascoltata.
Genova, 19 novembre 2020Il Consiglio dell’Ordine degli Assistenti Sociali della Liguria, in occasione della Giornata Mondiale per i diritti dell’Infanzia e Adolescenza, vuol porre la propria attenzione al quarto principio del Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza: l’ascolto delle opinioni del minore. La Convenzione prevede il diritto dei minori a essere ascoltati in tutti i processi decisionali che li riguardano, e il corrispondente dovere, per gli adulti, di tenere in adeguata considerazione le loro
opinioni.
L’attenzione del servizio sociale e della rete ampia di servizi per i minori e le loro famiglie deve rimanere alta: ci si deve interrogare su quali danni possono derivare dalla condizione di “minore non
ascoltato” in tempo di Covid-19.
Nella pandemia, infatti, i bambini sono stati e sono ancora protagonisti inascoltati. Molti di loro nella prima fase, ad esempio, sono rimasti isolati dalla scuola o in comunicazione attraverso la didattica a distanza (DAD), all’interno di famiglie con un ventaglio di condizioni tra loro molto dis-eguali e anche inique. Alcuni si sono ritrovati a casa, talvolta soli, talvolta chiamati ad essere custodi dei fratellini più piccoli, spesso contesi tra i genitori separati, fino a essere inascoltati e in taluni casi anche resi invisibili.
La Convention on the Rigths of the Child-CRC – il trattato in materia di diritti umani con il più alto numero di ratifiche, 196 – stabilisce quattro principi fondamentali dei diritti dell’infanzia e adolescenza: la non discriminazione (art 2); il superiore interesse del minore (art. 3); il diritto alla vita, alla sopravvivenza e allo sviluppo del bambino e dell’adolescente (art. 6); l’ascolto delle opinioni del minore (art. 12).
Il Consiglio dell’Ordine degli Assistenti Sociali della Liguria pone la propria attenzione al quarto principio:
l’ascolto delle opinioni del minore. Ma vuole ricordare anche chi, in questo periodo, ha sofferto ben più gravi conseguenze dall’assenza di diritti.
Joseph, nato in Guinea, non ha potuto far sentire la sua voce: a sei mesi è morto in mare, in quello che per lui e sua mamma avrebbe dovuto essere il viaggio della speranza.
Mehmed è morto all’età di due anni, per mano del padre dopo aver subito gravi maltrattamenti.
Il 5 novembre scorso un neonato abbandonato nella spazzatura è stato casualmente intercettato da un passante e “salvato” da un terribile destino.
Per questo, 20 novembre 2020, vogliamo ricordarci che i bambini ci guardano!

* La Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza (Convention on the Rigths of the Child – CRC), approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989 e ratificata dall’Italia il 27 maggio 1991 con la legge n. 176, oggi è il trattato in materia di diritti umani con il più alto numero di ratifiche: 196, alle quali si aggiungono gli Stati Uniti d’America che hanno aderito al trattato senza procedere mai alla ratifica.

Comunicato Stampa

ATTENZIONE! Approfondiremo questo argomento il 1° dicembre in un webinar rivolto agli iscritti della Liguria.  A breve notizie sul programma e le modalità di iscrizione

WEbinar legge 328/ 2000

Webinar Legge 3️⃣2️⃣8️⃣/2️⃣0️⃣0️⃣0️⃣

A 20 anni dall’approvazione della Legge 328, un webinar organizzato dal CNOAS

⚠️Tutte le info per l’iscrizione al webinar in fondo alla notizia⚠️

L’8 novembre saranno passati 20 anni dall’approvazione della 328: “Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali”, un provvedimento che ha ridefinito il profilo delle politiche sociali passando dalla concezione di utente quale portatore di un bisogno specialistico, a quello di persona nella sua totalità costituita anche dalle sue risorse e dal suo contesto familiare, sociale e territoriale. E dunque, nel 2000, si stabiliva che assistenza non potesse più significare intervento di riparazione del disagio, ma protezione sociale attiva, luogo di rimozione e prevenzione delle cause del disagio, luogo di promozione e valorizzazione della persona.

Una legge “quadro” per la quale la cornice ha retto una “tela” mai completata.

Gli assistenti sociali sono tra i pilastri di questa idea di politica sociale e per questo il Consiglio Nazionale dell’Ordine celebra questo anniversario con un webinar che si svilupperà in due distinti momenti e che vedrà la partecipazione, tra gli altri, di Livia Turco, già ministra della Solidarietà Sociale nel 2000 e promotrice della legge; Nunzia Catalfo, ministra del Lavoro e della Politiche sociali; Sandra Zampa, sottosegretaria di Stato alla Salute.

Dalle 11 alle 13 e poi dalle 15 alle 17 di venerdì 6 novembre appuntamento con: “328. Aspettando il sistema integrato che l’Italia merita”. Quattro ore durante le quali parlamentari, docenti universitari, esponenti degli Enti Locali, del Terzo Settore e del Tavolo del Patto per la professione s’interrogheranno e risponderanno su ritardi e prospettive di una legge che è alla base di una nuova concezione delle politiche sociali. E che 20 anni dopo ancora aspetta di essere attuata. A partire da quei livelli essenziali che ora, più che mai, dovrebbero unire un’Italia travolta dalla pandemia.

I posti disponibili sono mille per ciascuno dei due webinar.

Ognuno dei due webinar è stato accreditato con due crediti, di cui uno deontologico.

Ogni assistente sociale, nei limiti dei posti disponibili, può iscriversi ad entrambi o anche solo ad uno dei due webinar, seguendo i seguenti link:

Questo il link per iscriversi alla sessione del mattino, dalle 11 alle 13 del 6 novembre:
https://www.teknomeeting.it/formazione/230-cnoas-webinar-legge-328-sessione-del-mattino.html

Questo il link per iscriversi alla sessione del pomeriggio, dalle 15 alle 17 del 6 novembre:
https://www.teknomeeting.it/formazione/231-cnoas-webinar-legge-328-sessione-del-pomeriggio.html


 

CORSO DI PREPARAZIONE ALL’ESAME DI STATO

Il Centro Studi di servizio Sociale organizza un corso di preparazione all’esame di Stato per Assistenti Sociali sez.A e per la sez.B, che inizierà il 21 ottobre p.v.

Il corso è sempre stato proposto a Bologna con lezioni frontali, da quest’anno a causa dell’emergenza covid 19, viene proposto in diretta video su piattaforma Cisco webex meeting.

Qui di seguito i programmi dei corsi:

Programma Esame di stato sez.A

Programma Esame di Stato sez.B

Evento formativo – “Storie di ordinaria fragilità. Sveliamo i sette ottavi dell’iceberg dei servizi sociali”

Evento formativo – “Storie di ordinaria fragilità. Sveliamo i sette ottavi dell’iceberg dei servizi sociali”

A proposito dello scrivere, Ernest Hemingway sosteneva che ogni scrittore conosce molto di più della sua storia rispetto a quanto viene raccontata del libro. L’idea di questo salotto letterario sta proprio nell’andare a scoprire la parte sommersa delle storie narrate da cinque autori, assistenti sociali.

Non a caso un altro grande scrittore, Italo Calvino, si interrogava su come fosse possibile stabilire il momento esatto in cui comincia una storia “…tutto è sempre cominciato già da prima, la prima riga della prima pagina d’ogni romanzo rimanda a qualcosa che è già successo fuori dal libro. Oppure la vera storia è quella che comincia dieci o cento pagine più avanti…”.

Questi incontri sono dedicati a tutte le persone interessate ad andare oltre alle parole e agli slogan.

Dal 24 settembre ogni 15 giorni dalle 17.30 alle 18.30.

L’evento è frutto della collaborazione fra i Consigli del Piemonte, Emilia Romagna, Liguria, Toscana e Trentino Alto Adige con il patrocinio e la partecipazione del Consiglio nazionale.

L’obiettivo formativo è duplice:

promuovere e fare contro-narrazione, rendere pubblico il lavoro sociale parlando dei libri che trattano la professione attraverso un punto di vista interno;

diffondere la capacità e l’intenzione degli autori di farsi portavoce delle storie degli altri – delle persone che si incontrano nella quotidianità professionale – tramite la forma narrativa.

LOCANDINA

LE CINQUE TAPPE

24-09 alle 17.30-18.30

“Per altre vite” di Paolo Pajer (Editore Il Ciliegio). Presenta Carmela Francesca Longobardi, letture di Simone Schinocca, conclusioni di Barbara Rosina.

08-10 alle 17.30-18.30

“Le due madri. Storia di una bambina in affido”, di Gianfranco Mattera (San Paolo Edizioni). Presenta Francesca Mantovani, letture di Chiara Labanti, conclusioni di Rita Bosi.

22-10 alle 17.30-18.30

“Il cacciatore di orchi”, di Rosella Quattrocchi (Editore Il Ciliegio). Presenta Simona Panichelli, letture di Fabio Cappello Rizzarello, conclusioni di Giovanni Cabona.

05-11 alle 17.30-18.30

“Spazi inclusi”, di Vilma Buttolo (EEE – Edizioni Tripla E). Presenta Carmela Francesca Longobardi, letture di Ivano Winterle, conclusioni di Elisa Damaggio.

19-11 alle 17.30-18.30

“I marchiati”, di Roberto D’Alessandro (Effigie). Presenta Carmela Francesca Longobardi, letture di Luciana Madrigali, conclusioni di Raffaella Barbieri.

Parteciperanno Gianmario Gazzi, Presidente CNOAS, e Federico Basigli, consigliere nazionale Coordinatore gruppo comunicazione CNOAS.

L’evento è gratuito e sarà svolto su piattaforma online GoToMeeting.

Ogni evento richiederà una registrazione.

Iscriviti a “Storie di ordinaria fragilità. Sveliamo i sette ottavi dell’iceberg dei servizi sociali”. “Per altre vite” di Paolo Pajer il 24 set 2020 17.30

https://attendee.gotowebinar.com/register/2987309730676674832

Iscriviti a “Storie di ordinaria fragilità. Sveliamo i sette ottavi dell’iceberg dei servizi sociali” “Le due madri…” Gianfranco Mattera il 8 ott 2020 17:30

https://attendee.gotowebinar.com/register/4558606404768820752

Iscriviti a Storie di ordinaria fragilità. Sveliamo i sette ottavi dell’iceberg dei servizi sociali “Il cacciatore di orchi”, R. Quattrocchi il 22 ott 2020 17:30

https://attendee.gotowebinar.com/register/5710003986259649548

Iscriviti a “Storie di ordinaria fragilità. Sveliamo i sette ottavi dell’iceberg dei servizi sociali” “Spazi inclusi”, di Vilma Buttolo il 5 nov 2020 17:30

https://attendee.gotowebinar.com/register/850455061582785548

Iscriviti a “Storie di ordinaria fragilità. Sveliamo i sette ottavi dell’iceberg dei servizi sociali”. “I marchiati” di Roberto D’Alessandro il 17 set 2020 17:30
https://attendee.gotowebinar.com/register/8775814039429444364

Al termine dell’iscrizione, riceverai un’e-mail di conferma con informazioni su come partecipare al webinar.

Brought to you by GoToWebinar®

Webinars Made Easy®

Richiesti crediti formativi per le singole giornate formative.

Per info scrivere a segreteria@oaspiemonte.org

Continua la lettura di Evento formativo – “Storie di ordinaria fragilità. Sveliamo i sette ottavi dell’iceberg dei servizi sociali”

CORSI FAD

 

Sono aperte le iscrizioni ai nuovi corsi di formazione a distanza  L’ADOZIONE SI TRASFORMA: RISPOSTE NUOVE AI NUOVI BISOGNI DEI BAMBINI organizzati dalla  Commissione per le Adozioni Internazionali e dall’Istituto degli Innocenti in collaborazione con gli Enti Autorizzati. I corsi  sono pensati per fornire a coloro che operano o sono interessati al mondo dell’adozione internazionale nuovi strumenti di riflessione e aggiornamento, per offrire  un’ottica interdisciplinare-integrata sui temi e una visione prospettica sugli sviluppi futuri del settore. La partecipazione  è gratuita.

 

Di seguito le informazioni di sintesi sui corsi offerti e sulle modalità di iscrizione.

 

Modalità iscrizione

Per partecipare ai corsi occorre accedere a  https://learning24.it/CAI/ iscriversi alla piattaforma  e poi ai singoli corsi. E’ possibile iscriversi a più di un corso.

 

Modalità di fruizione

I corsi sono interamente online e sono strutturati per essere seguiti e completati nei tempi e negli orari più congeniali a ogni partecipante (non è previsto un calendario delle lezioni).

E’ possibile partecipare ai corsi fino al 31 dicembre 2020.

 

Corsi offerti FAD-CAI 2020

L’offerta formativa si sviluppa su 3 percorsi formativi online della durata di 20 ore ciascuno,  i corsi sono proposti per aree tematiche legate a gruppi di destinatari consigliati

 

AREA GIURIDICA 

Corso L’adozione internazionale: attualità nel cambiamento

Finalità Promuovere un approfondimento delle procedure che governano il processo adottivo a partire dalla giurisprudenza

Destinatari avvocati, giudici onorari, magistrati e operatori della giustizia, tecnici degli enti autorizzati, presidenti dell’associazionismo o loro delegati

Programma

 

AREA PSICO-SOCIALE 

Corso Il percorso dell’adozione: ri-conoscersi per continuare insieme

Finalità  Offrire informazioni e approfondimenti  sull’intero iter dell’adozione e sulla normativa di riferimento

Destinatari assistenti sociali, psicologi, educatori, operatori socio-sanitari, del privato sociale che si occupano di adozioni internazionale e operatori degli Enti Autorizzati;

Programma

 

AREA SCUOLA 

Corso Adozioni internazionali: costruire relazioni accoglienti e inclusive 

Finalità Far conoscere il mondo dell’adozione per costruire un clima idoneo di apprendimento e socializzazione

Destinatari  Educatori, assistenti sociali, psicologi,  operatori socio-sanitari, del privato sociale, operatori degli enti autorizzati, volontari dell’associazionismo che si occupano di adozione e scuola

Programma

 

AREA SCUOLA (riconosciuto dal Miur)

Titolo Adozioni internazionali: costruire relazioni accoglienti e inclusive (riconosciuto dal Miur)

Finalità Far conoscere il mondo dell’adozione per costruire un clima idoneo di apprendimento e socializzazione

Destinatari Questo corso è il gemello di Adozioni internazionali: costruire relazioni accoglienti e inclusive, viene erogato nel formato riconosciuto dal Miur ed è rivolto solo ad insegnanti. Gli insegnanti di ruolo dovranno iscriversi a questo corso anche sulla piattaforma S.O.F.I.A.  (codice S.O.F.I.A. 45450) per avere il relativo attestato MIUR al termine del percorso.

Programma

Corsi accessibili tramite lo strumento del voucher formativo.

 

Genova, 11/09/2020

Afet Aquilone onlus, ente che svolge attività di formazione, orientamento professionale e intermediazione al lavoro rivolta a giovani e adulti, presenta alcune
proposte all’interno del Catalogo regionale di moduli formativi accessibili tramite lo strumento del voucher formativo.

Corsi rivolti a persone occupate – sez. A1:
– Sicurezza informatica – l’analisi del rischio;
– Office automation – corso base;
– Inglese per operatori di servizio alla persona;
– Gruppi di lavoro e collaborazione;
– Comunicazione interculturale;
– Italiano L2 in preparazione alla certificazione B1;
– La relazione come strumento di lavoro nei contesti di aiuto;
– Prevenzione del burn out nella relazione di aiuto.

Corsi rivolti a occupati di micro imprese – sez. A2:
– L’avvento del digitale nella micro-impresa. La fatturazione elettronica e i suoi
derivati;

Corsi rivolti a disoccupati, persone in stato di non occupazione, soggetti con
maggiori difficoltà di inserimento lavorativo, persone a rischio di disoccupazione di
lunga durata – sez. B2:

– Cybersecurity, rilevamento tracce;
– Office automation – funzioni avanzate;

SI PRECISA CHE AL MOMENTO I SUDDETTI CORSI NON SONO ANCORA ACCREDITATI PRESSO IL CNOAS

I corsi si svolgeranno prevalentemente presso la sede di Afet aquilone onlus in via Galata 39/9.

Per ulteriori informazioni e iscrizioni chiamate 010419287 o scrivete a segreteria@afetaquilone.org