lavoce.info “I requisiti che bocciano le domande di Rei”

10/07/2018

Giovanni Gallo

I primi dati ufficiosi sul Rei dicono che i beneficiari vivono in larga parte a Sud. Anche perché molte domande di residenti al Nord sono state respinte per mancanza di requisiti. Una severità che rischia di penalizzare il Rei universale appena introdotto.

Il 22 giugno Repubblica.it ha diffuso alcuni dati “ufficiosi” di fonte Inps sul numero di domande per il reddito d’inclusione (Rei) accolte e respinte in ciascuna regione. Dopo i primi cinque mesi di operatività sono circa 380 mila i nuclei familiari che hanno fatto domanda di accesso alla misura nazionale di reddito minimo, dal 1° luglio diventata pienamente universale come previsto dalla legge di bilancio per il 2018. Due domande su tre sono arrivate da famiglie residenti nel Mezzogiorno, il 45 per cento del totale nazionale solo da Campania e Sicilia.

Perché si verifica una tale sproporzione nella distribuzione delle domande nel territorio nazionale? Cerchiamo di dare una risposta.
La tabella 1 mostra che, alla fine di maggio, percepiscono il Rei 184 mila famiglie, mentre altre 120 mila ricevono la misura precedente, il sostegno per l’inclusione attiva (Sia), per un totale di circa 300 mila beneficiari. I nuclei che beneficiano del Sia si distribuiscono a livello nazionale in modo quasi identico al Rei, cosicché i percettori Sia-Rei risiedono per il 18 per cento al Nord, il 12 per cento al Centro e il 70 per cento nel Mezzogiorno.

Tabella 1– Famiglie beneficiarie Sia-Rei e in povertà per macroarea

Fonti: Repubblica.it, Inps , ministero del Lavoro e delle politiche sociali e Istat

La disparità sembra essere parzialmente giustificata dalla distribuzione territoriale delle famiglie in povertà relativa nel 2017, tenuto conto che il 64 per cento vive nel Mezzogiorno. Quando però si fa riferimento alla parte più bassa della distribuzione dei redditi (famiglie con Isee inferiore a 3 mila euro nel 2016) o si tiene conto delle differenze Nord-Sud nel livello dei prezzi (famiglie in povertà assoluta nel 2017), il Nord appare largamente sotto-rappresentato in termini relativi tra i percettori Sia-Rei.

Le ragioni dei dinieghi

Le ragioni del minor numero di nuclei beneficiari nel Nord Italia, rispetto a quello previsto in base all’incidenza della povertà assoluta, sono sostanzialmente tre e riguardano il tasso di respingimento delle domande per il Rei. Sempre secondo l’articolo di Repubblica.it, infatti, la metà delle domande presentate è stata respinta per mancanza di uno o più dei requisiti di accesso, ma i rifiuti sono stati più frequenti nel Centro-Nord che nel Mezzogiorno (figura 1).

Figura 1– Quota di domande per il Rei respinte e percentuale della popolazione straniera per macroarea
Fonti: Repubblica.it, Istat.

Il primo motivo risiede nel fatto che le famiglie con Isee basso residenti al Nord hanno avuto più difficoltà a rispettare i requisiti familiari di accesso al Rei (ora abrogati), come la presenza di almeno un minore o di un disoccupato sopra i 55 anni.

La seconda ragione, invece, sta nella diversa percentuale della popolazione straniera sul totale nel 2017, che è più che doppia nelle regioni del Nord rispetto a quelle meridionali (figura 1). Le famiglie straniere, oltre a essere mediamente più povere rispetto a quelle italiane, potrebbero aver avuto maggiori problemi nella comprensione dei vari requisiti di accesso richiesti per il Rei, in particolare quelli riguardanti residenza e cittadinanza, e aver fatto domanda pur non soddisfacendoli tutti.

Share